Viaggio a Flores fai da te

La risorsa definitiva per un viaggio a Flores, Indonesia.

Spesso associata al solo Parco di Komodo e ai suoi famigerati draghi, Flores in realtà è un’isola che racchiude molto di più.

Molti infatti si limitano ad un breve soggiorno a Labuan Bajo con annesso tour al sopracitato Parco – generalmente combinando il tutto con un viaggio a Bali – tralasciando alcune località poste nell’entroterra e lungo il versante opposto della costa di sicuro interesse e bellezza. Dove tra l’altro risiede la vera anima dell’isola.

Tra villaggi tradizionali, vulcani, spiagge fuori dai sentieri battuti, risaie, paesaggi collinari e montani ecc., Flores non solo è in grado di offrire splendidi scenari e culturalità, ma anche quell’autenticità che a volte manca nelle isole dell’arcipelago che fanno un pò tutti. Rappresentando di fatto un giusto compromesso per chi cerca qualcosa che vada oltre i classici circuiti all’interno del Paese ma al contempo un’isola “più facile” e con qualche servizio in più rispetto alla sua vicina e più remota Sumba (facilmente abbinabile con Flores in un unico viaggio). Con un popolo estremamente ospitale ed amichevole.

Ho viaggiato l’isola di Flores per due settimane arrivando via mare da Sumba (Waingapu). Pertanto in questa guida troverai un sacco di risorse e consigli utili per organizzare al meglio il tuo viaggio a Flores. Il tutto con un occhio di riguardo al budget. Ma sono certo che l’articolo ti tornerà sicuramente utile anche viaggiando con maggiori disponibiltà economiche.

Indice dei contenuti:

Quando andare a Flores

Flores presenta un clima di tipo tropicale, con temperature medie costanti durante l’intero corso dell’anno. Con due stagioni distinte: secca da aprile ad ottobre (con giugno-agosto considerata alta stagione) e delle piogge da novembre a marzo (con il picco delle precipitazioni tra gennaio-febbraio).

Ovviamente la prima è quella da preferire anche se, riguardo la seconda, spesso parliamo di forti rovesci di breve durata (a patto di evitare i mesi di gennaio-febbraio, come detto periodo di massima intensità).

Personalmente sono stato a Flores dall’ 11 maggio al 26 dello stesso mese, trovando sempre bel tempo.

Documenti e vaccinazioni per un viaggio a Flores

I possessori di passaporto italiano con validità in corso pari o superiore ai 6 mesi possono richiedere il visto per l’Indonesia sia direttamente all’arrivo (VOA) – ottenibile però solo entrando da determinate frontiere elencate in questa pagina – sia online (E-VOA Visa) tramite l’apposito sito ufficiale (ricordo che tale visto al momento è accettato solo agli aeroporti Soekarno-Hatta di Jakarta e Ngurah Rai di Bali).

Il visto all’arrivo (VOA) è di due tipologie:

  • uno gratuito della durata di 30 giorni NON estendibile in nessun modo se non uscendo e rientrando nel Paese;
  • un altro estendibile di ulteriori 30 giorni (60 in totale) pagando una somma pari a 500000 IDR. Una volta all’interno del Paese potrai quindi allungare il tuo soggiorno recandoti personalmente ad uno degli uffici immigrazione presenti (Kantor Imigrasi) o rivolgendoti ad un’agenzia specializzata che si occuperà del tutto. Se, come fanno i più, intendi fare quanto appena descritto a Bali, qualora volessi procedere da solo puoi consultare questo articolo, dove trovi nel dettaglio come fare. Se invece vuoi appoggiarti ad un’ agenzia (soluzione da preferire per un fatto di comodità/praticità), consiglio questa, davvero prefessionale (risponderanno ad ogni tuo dubbio). Sappi però che l’intero procedimento in isole meno turistiche come Flores è decisamente più rapido. Per cui considera l’idea. I due uffici immigrazione presenti nell’isola si trovano rispettivamente a Labuan Bajo e Maumere, con quello in quest’ultima considerato tra i più efficenti dell’intera Indonesia in termini di tempistiche (parliamo di un paio d’ore d’attesa per il rilascio, perciò fattibile in un’unica giornata e in completa autonomia).

Il visto online (E-VOA Visa) ad entrata singola è anche in questo caso di due tipologie (è possibile comunque richiedere anche visti ad entrata multipla di 1,2,5 anni, ovviamente a costi più elevati):

  • uno della durata di 30 giorni (500000 IDR il costo) estendibile di ulteriori 30 sempre tramite l’apposito sito ufficiale una volta all’interno del Paese (con l’eventuale estensione che viene a costare 500000 IDR);
  • un altro della durata di 60 giorni al costo di 1500000 IDR (anche questo estendibile).

In questo articolo (in inglese) è spiegato nel dettaglio, passo per passo, come ottenere l’ E-VOA Visa per l’Indonesia, compresa l’eventuale estensione.

Riassumendo: considerando che la stragrande maggioranza dei viaggiatori entra in Indonesia dagli aeroporti Soekarno-Hatta di Jakarta o Ngurah Rai di Bali, l’E-VOA Visa è la soluzione da preferire per tutti quelli che hanno intenzione di estendere il visto o comunque soggiornare nel Paese per più di 30 giorni, dato che rende l’intero procedimento decisamente più snello e flessibile rispetto ai metodi tradizionali (Kantor Imigrasi/agenzia specializzata). Eliminando di fatto tempi di attesa e burocrazia varia. Per chi invece ha l’assoluta certezza di rimanere nel Paese per NON più di 30 giorni, consiglio di fare il normale visto all’arrivo (VOA), dato che in questo caso è completamente gratuito.

Per concludere, sappi che per qualsiasi tipo di visto il giorno di arrivo e partenza sono inclusi nel conteggio del periodo massimo di permanenza (ogni giorno di “overstay” è multato di ben 1000000 di rupie) e che è richiesta ufficialmente una prova di uscita dal Paese entro i limiti consentiti dal visto stesso (in tal senso ti consiglio di consultare questo mio articolo). Infine – per quei visti che lo permettono – non è possibile procedere subito al rinnovo del visto, ma bisogna aspettare indicativamente una decina di giorni dal momento dell’ingresso nel Paese.

Flores (e l’Indonesia in generale) non richiede alcuna vaccinazione obbligatoria, a parte quella contro la febbre gialla nel solo caso si provenga da Paesi considerati a rischio trasmissione della suddetta malattia (per una lista completa controlla qui). Epatite A e B sono comunque consigliate, specie se hai intenzione di visitare aree remote, giungla ecc.

Parti per l’Indonesia con la miglior assicurazione viaggio per rapporto qualità/prezzo presente sul mercato: GlobelinkSafetyWing.

Viaggio a Flores moneta e telefonia

La moneta locale è chiamata rupia indonesiana (IDR). Per il cambio attuale e quindi farti un’idea dei prezzi che troverai in questa guida controlla qui.

Gli atm sono presenti un pò ovunque. Le maggiori banche presenti sul territorio (BNI, BRI, BTN, BCA, Mandiri ecc.), non applicano alcuna commissione sul prelievo. Perciò usa sempre i loro rispettivi sportelli. A tal proposito ti suggerisco di leggere questo mio articolo, dove spiego in modo dettagliato come risparmiare sulle commissioni bancarie e con quali carte di pagamento viaggiare: come gestire i soldi in viaggio.

Come sempre ti consiglio di farti una sim locale una volta giunto in loco. La miglior compagnia è Telkomsel, con una buona ricezione pressochè ovunque.

Cosa vedere a Flores

Come vedi dalla mappa, Labuan Bajo ad ovest ed Ende o Maumere ad est sono per chiunque i punti di inizio o fine viaggio a Flores, in base all’orientamento dell’itinerario. Ognuna infatti è sede di uno dei tre maggiori aeroporti presenti nell’isola, oltre ad essere i porti principali. Nel mezzo, lungo la Flores-Highway, sono dislocate diverse località, le quali rappresentano le tappe principali all’interno dell’isola. A parte Riung defilata più a nord.

N.B.: per non ripetermi ogni volta, gli spostamenti tra una località e l’altra che trovi in questa sezione ruotano attorno all’uso dei servizi descritti nell’apposito paragrafo “come muoversi a Flores”.

Cosa vedere a Flores

Labuan Bajo

Porta d’accesso al Komodo National Park, Labuan Bajo è per i più l’inizio di un viaggio a Flores.

Proprio la vicinanza al già citato parco ha reso questa piccola cittadina portuale la destinazione più turistica dell’isola (l’unica in realtà a poter essere definita tale). Con tutti i servizi del caso.

Al di là di questo rimane comunque una località tutto sommato piacevole, al netto di non aspettarti appunto il massimo dell’autenticità.

Cosa vedere a Labuan Bajo

La cittadina, date le sue ridotte dimensioni, può essere girata facilmente a piedi. Con la via principale disseminata di ristoranti, agenzie, tour operator, dive-center ecc. Quanto di più turistico insomma ci si possa aspettare.

Ovviamente la visita al Komodo National Park resta l’attività numero uno, ma ci sono almeno un paio di altri luoghi interessanti nelle immediate vicinanze del centro da considerare per chi avesse del tempo extra a disposizione o comunque non fosse interessato all’escursione al parco, con la possibilità tra l’altro di scoprire realtà decisamente più autentiche di Labuan Bajo.

Nota di merito per i tramonti, tra i più incredibili che abbia visto in vita mia!

Komodo National Park

L’attrazione per eccellenza di Labuan Bajo (per molti anche l’unica), che di fatto ha messo Flores “sulla mappa”. Unico posto al mondo dove poter ammirare gli omonimi e preistorici draghi.

In pratica ogni agenzia e struttura d’alloggio può organizzarti il tour di uno o più giorni per il Parco (con prezzi che variano in base alla tipologia di barca, comfort ecc.) O, in alternativa, potresti dirigerti direttamente al porto e una volta lì combinare l’escursione per il giorno seguente (in linea di massima dovresti trovare ancora imbarcazioni che hanno posti a disposizione, in questo modo probabilmente pagherai anche meno). Qualunque sia la tua scelta, non aspettarti prezzi esattamente economici.

Personalmente ho organizzato l’escursione tramite l’ostello in cui alloggiavo, pagando 600000 IDR (comprensivo di trasporto, colazione, pranzo, acqua) per il tour giornaliero, a mio parere più che sufficiente, specie viaggiando con un budget limitato. In aggiunta ai 400000 IDR da pagare separatamente e in qualsiasi caso per l’entrata al Parco.

Detto questo, i tour offerti dalle varie compagnie (almeno quelli in giornata) sono piuttosto standard. In sostanza portano a scoprire i principali “spot” all’interno dell’area, ossia: Padar Island, Komodo Island, Pink Beach, Manta Point (con possibilità di fare snorkeling).

L’esperienza in generale è sì gradevole, ma per quanto mi riguarda niente di così entusiasmante, oltre che sin troppo lunga (si parte il mattino molto presto per rientrare nel tardo pomeriggio/prime ore serali), risultando un pò noiosa sulla distanza. L’incontro con i draghi resta a mio parere la parte più interessante del tour, mentre siti come Pink Beach e, soprattutto, Padar Island, sarebbero anche belli, ma purtroppo ormai diventati meri “spot” turistici, con tutto quello che ne consegue. In più l’avvistamento delle mante nell’apposito punto è tutt altro che scontato.

Se sei un appassionato di diving sappi inoltre che ci sono barche specializzate che offrono tour di più giorni all’interno del Parco focalizzati principalmente su questa attività (con prezzi che tendono a salire ulteriormente).

cosa vedere a Flores Indonesia
Komodo Island
Bukit Menjaga e Bukit Amelia

Li cito assieme in quanto facilmente abbinabili nell’arco della stessa giornata.

Sono due punti panoramici che offrono viste niente male sulla baia e il paesaggio circostante, entrambi a pochi km dal centro. Facilmente raggiungibili in scooter.

Consiglio di visitare dapprima Bukit Menjaga, facendo in seguito anche un giro nel sottostante Menjaga Village (il villaggio non è ben tenuto, ma è comunque autentico) e di lasciare Bukit Amelia per ultimo, in modo da essere lì ad orario tramonto (piuttosto spettacolare).

cosa vedere a Labuan Bajo
Tramonto a Bukit Amelia
Rangko Cave

Si tratta di una caverna a circa 1 ora di scooter da Labuan Bajo, con all’interno una piscina naturale di acqua limpida in cui poter nuotare. Una volta raggiunto il villaggio di Rangko bisogna prendere una barca (dalle 250000 alle 400000 IDR, quindi l’ideale sarebbe condividere il trasporto con qualcuno) che in circa 20 minuti porta ad una spiaggia isolata da cui poi raggiungere l’ingresso alle grotte (50000 IDR) con una breve camminata. Qui la posizione.

Come arrivare a Labuan Bajo

Arrivando da est, ci sono collegamenti diretti sia con Bajawa (9 ore circa) che con Ruteng (4 ore).

Labuan Bajo ha collegamenti aerei con Jakarta (Java), Denpasar (Bali), oltre che con Mataram (Lombok). Le principali compagnie che coprono tali tratte sono Air Asia, Garuda, Lion Air, Nam Air. Da Lombok è possibile inoltre raggiungere Labuan Bajo via mare, con tappa intermedia a Sumbawa prima di giungere a destinazione (la traversata dura almeno due giorni).

Dove dormire a Labuan Bajo

La Boheme Bajo. Ottima posizione, bella location ed atmosfera (150000 IDR a notte per un letto in dormitorio).

cosa vedere a Flores Indonesia
Padar Island

Ruteng

Posizionata tra Labuan Bajo e Bajawa, Ruteng è spesso usata come tappa intermedia per spezzare il lungo viaggio tra le due località appena menzionate. Una piacevole località con molti edifici in stile europeo circondata da splendidi paesaggi collinari, dominati in prevalenza dai tipici terrazzamenti di riso, che non hanno nulla da invidiare a quelli di Bali. Incontrando villaggi spersi dove la presenza di uno straniero desterà sicuramente curiosità.

Cosa vedere a Ruteng

Molti si fermano a Ruteng una sola notte per spezzare appunto il viaggio Labuan Bajo-Bajawa (o viceversa), per poi ripartire immediatamente il giorno seguente.

Ci sono però almeno un paio di attrazioni nei dintorni per cui vale la pena spendere almeno un giorno in più. Specie avendo tempo a disposizione.

Villaggi tradizionali

Come in altre parti di Flores, anche a Ruteng esiste la possibilità di visitarne alcuni. Abitati dalla tribù dei Manggarai. Come capirai a breve però, personalmente farei questo tipo di esperienza altrove nell’isola (vedi Bajawa o Moni).

Pu’u Village: quello di più facile accessibilità, dato che si raggiunge facilmente dal centro con una camminata di 15 minuti. Il villaggio è piuttosto piccolo e onestamente niente di che, con entrata a pagamento (trattando ho pagato 35000 IDR, per cifre più alte non credo proprio ne valga la pena).

Wae Rebo: situato a 1100 metri di altitudine, all’interno di un cratere di un antico vulcano circondato dalle montagne, questo villaggio è raggiungibile esclusivamente tramite un trekking di 3-4 ore che parte dal villaggio di Denge (3/4 ore di strada da Ruteng). Con la possibilità di trascorrere la notte presso una famiglia locale. Nonostante la sua posizione singolare e relativamente isolata lo rendano un villaggio caratteristico, purtroppo ad oggi ha perso gran parte del suo fascino ed autenticità, data la discreta fama turistica di cui gode. Per cui valuta tu se ne vale davvero la pena, considerando anche il fatto che, come detto, potrai visitare comunque villaggi tradizionali in altre località di Flores, tra l’altro decisamente più accessibili e in modo più economico. Nel caso volessi visitarlo, sappi che se non vuoi prendere parte ad un tour guidato (cari) esiste la possibilità di arrivarci in modo autonomo da Ruteng con i mezzi pubblici o noleggiando uno scooter. In questo articolo in inglese è spiegato nel dettaglio come fare.

Todo Village: trovandosi a poco più di un’ora di scooter da Ruteng, può rappresentare un’alternativa “più facile” rispetto Wae Rebo, specie se non hai molto tempo a disposizione. Dalle immagini devo dire che nemmeno questo però mi sembra particolarmente autentico, anzi.

cosa vedere a Ruteng
Wae Rebo
Spider Web Rice Fields e Air Terjun Cunca Lega

Consiglio di abbinarli nell’arco della stessa giornata, essendo poco distanti tra loro lungo la medesima strada. Il tutto noleggiando uno scooter per l’intera giornata.

Spider Web Rice Fields sono dei terrazzamenti di riso a forma di ragnatela condivisi dalla comunità locale, situati nel villaggio di Cancar (30 minuti da Ruteng). Una volta al villaggio ci sono diversi ingressi (a pagamento) che portano ad altrettanti punti panoramici arroccati in cima ad un crinale con vista sui campi. Personalmente sono salito da qui, pagando 20000 IDR (in ogni caso potrai camminare lungo il crinale per vedere i terrazzamenti da altre angolazioni).

Finita la visita dirigiti appunto all’ Air Terjun Cunca Lega, una delle diverse cascate nei dintorni di Ruteng, con bellissimi paesaggi lungo la strada, che da soli valgono il raggiungimento del salto. Per arrivarci guida seguendo esattamente le indicazioni per questo punto (con l’ultimo tratto di strada piuttosto dissestato, perciò procedi con cautela) nient altro che l’inizio del sentiero che conduce alle cascate, da cui poi bisogna proseguire a piedi. A tal proposito, per raggiungere la sommità delle cascate (con splendide viste dall’alto sul paesaggio circostante e in cui poter nuotare nelle pozze d’acqua presenti) consiglio di farsi aiutare dai locali che sicuramente troverai sul posto (magari facendoti accompagnare, chiedono una piccola donazione), dato che arrivarci non è proprio chiaro. Una volta tornato indietro, girando a destra al bivio posto poco prima del punto linkato sopra, è possibile scendere alla base delle cascate. Il sentiero è abbastanza ripido (quindi presta attenzione) e non proprio breve, ma ne vale la pena visto le visuali che offre.

Cosa vedere a Ruteng
Spider Web Rice Fields
Grotta di Liang Bua

Anche questo sito conviene raggiungerlo in scooter (qui la posizione). Si tratta di una caverna in cui sono stati rinvenuti i resti dell’ Homo Floresiensis (noto come “hobbit”), una specie umana alta poco più di 1 metro che viveva nell’isola più di 50000 anni fa. All’interno della grotta è possibile visitare i siti di scavo in cui sono state ritrovate le ossa. Se vuoi approfondire ancor più l’argomento in questione, sappi che a breve distanza dalla grotta è presente un piccolo museo, con esposte mostre sulla scoperta e ricerca sullo “hobbit”.

N.B.: potresti pensare di abbinare la grotta con la visita delle Spider Web Rice Fields nella stessa giornata al posto delle cascate di Cunca Lega (trattate in precedenza) nel caso fosse di tuo maggiore interesse.

Liang Bua Cave

Come arrivare a Ruteng

Ci sono collegamenti con Labuan Bajo ad ovest (4 ore), così come con Bajawa ad est (5 ore).

Dove dormire a Ruteng

Ruteng Hostel. Ostello di recente apertura gestito da una splendida famiglia (alla sera mangiavo con loro). Assolutamente consigliato (5 euro a notte).

cosa vedere  a Flores Indonesia
Viste panoramiche da Air Terjun Cunca Lega

Bajawa

Dominata dall’imponenza del Monte Inerie, Bajawa è una cittadina collinare con un clima mediamente più fresco rispetto al resto dell’isola. Conosciuta in prevalenza per i diversi villaggi tradizionali della tribù Ngada situati nei suoi dintorni.

Cosa vedere a Bajawa

Come detto, la visita ai villaggi tradizionali è l’attività più popolare in zona. Tuttavia ci sono altre attività da svolgere che possono tenere occupati per almeno un paio di giorni.

Per non ripetermi ogni volta, il miglior modo per esplorare Bajawa e raggiungere quanto elencato di seguito è noleggiando uno scooter.

Bena Village, Malanage Hot Springs e Wolobobo Hill Viewpoint

Le cito assieme in quanto facilmente combinabili nell’arco della stessa giornata, seguendo questo esatto ordine.

Tra tutti i villaggi tradizionali presenti a Bajawa, quello di Bena è sicuramente quello più conosciuto e turistico. Facilmente accessibile dal centro guidando per circa 30 minuti. Racchiuso in uno splendido scenario tra le montagne, ospita 9 clan. Le abitazioni sono disposte su due fila, con al centro monumenti rupestri, lapidi megalitiche ed altari per i sacrifici. Con l’entrata che viene a costare 20000 IDR.

Finita la visita (1 ora è più che sufficiente), sulla via di ritorno per Bajawa fermati alle Malanage Hot Springs (2 km dal villaggio di Bena), delle sorgenti termali naturali riscaldate dall’attività vulcanica del vicino Monte Inerie. Non aspettarti chissà cosa, ma comunque un buon modo per concedersi un pò di sano relax (20000 IDR per l’ingresso).

Quindi ad orario tramonto raggiungi il Wolobobo Hill Viewpoint, una collina a soli 10 km da Bajawa che offre le migliori viste sul Monte Inerie. Per raggiungere il punto panoramico in questione dal parcheggio (qui la posizione) sono solo 30 minuti di camminata.

N.B.: altri villaggi più autentici e isolati rispetto a Bena che potresti prendere in considerazione sono quelli di Tolo Lela e soprattutto Belagari (quest ultimo però a 45 km da Bajawa).

cosa vedere a Bajawa
Villaggio di Bena
Monte Inerie Trekking

Con i suoi 2245 metri d’altezza, il Monte Inerie è il vulcano più alto dell’isola.

Ci tengo a precisare sin da subito che il trekking in questione non è certo adatto a tutti, essendo abbastanza impegnativo, oltre che pericoloso se non si presta la massima attenzione. Salendo costantemente su un terreno irregolare composto da roccia vulcanica e friabile che rende il tutto più difficoltoso. In aggiunta al fatto che il sentiero è poco chiaro. Nemmeno ridiscendere è esattamente semplice, visto che sostanzialmente bisogna “surfare” su un sentiero di sabbia vulcanica che mette a dura prova ginocchia e gambe. Per tutti questi motivi, nonostante possa essere svolto in totale autonomia, credo che affidarsi ad una guida (facilmente reperibile a Bajawa) non sia una cattiva idea. In particolare se vuoi salire di notte per vedere l’alba dalla cima come fanno alcuni (in questo caso infatti sconsiglio vivamente di avventurarsi da soli).

Qualora te la sentissi di completarlo in maniera indipendente come il sottoscritto, consiglio come detto di svolgerlo di giorno, partendo di mattina presto, in modo da essere in cima tra le 9 e le 11 (dopo tende ad annuvolarsi tutto). Considerando che il punto d’inizio del trekking (qui la posizione) dista 20 minuti circa da Bajawa in scooter e raggiungere la cima impiega 3/4 ore in base al passo, un buon orario d’inizio per l’ascesa è attorno alle 6, massimo 8 della mattina. Una volta in cima, goditi le splendide viste dall’alto (tempo permettendo)!

Mentre per la discesa metti in conto 2/2.30 ore.

cosa vedere a Bajawa
Viste dalla cima del Monte Inerie
Air Terjun Ogi

Una cascata a soli 15 minuti da Bajawa. Nonostante la facile accessibilità, in linea di massima non è mai troppo affollata (non è consentito nuotare). L’entrata dovrebbe costare sulle 20000 IDR.

Come arrivare a Bajawa

Ci sono collegamenti diretti con Labuan Bajo e Ruteng ad ovest (rispettivamente 9 e 5 ore), così come con Moni ad est (5 ore). Oltre che con Riung a nord.

N.B.: arrivando a Bajawa con un taxi condiviso sappi che, al contrario che in autobus, verrai lasciato appena fuori dal centro. Nel punto in cui verrai scaricato ci sono sia normali taxi che ojek che offrono un passaggio in centro (sono solo 10 minuti di strada, perciò con un costo esiguo in entrambi i casi).

Dove dormire a Bajawa

Kristian Homestay (140000 IDR a notte per una stanza privata). Buona struttura con vista sul Monte Inerie. Oppure l’adiacente Marselino Backapcker’s Room, personale davvero simpatico con cui condividere qualche ora serale.

cosa vedere a Bajawa
Wolobobo Hill Viewpoint

Riung

Spesso saltata all’interno di un itinerario a Flores essendo un pò “fuori mano” rispetto al classico circuito dell’isola, Riung è un piccolo villaggio di pescatori lungo la costa nord. Porta d’accesso al “17 Islands Marine Park”.

Cosa vedere e fare a Riung

Il cosidetto “island hopping” all’interno del sopracitato Parco è sostanzialmente l’unica attività da svolgere a Riung. Per cui, nonostante il villaggio in sè sia comunque caratteristico, pittoresco e con un’atmosfera estremamente rilassata, nel caso non fossi interessato a quanto appena detto, non c’è nessun reale motivo per spingersi sin qui, specie se non hai molto tempo a disposizione e considerando anche il fatto che si può vivere un’esperienza del tutto simile al Komodo National Park a Labuan Bajo (sebbene più turistica rispetto a questa).

In ogni caso in questo articolo trovi una guida dettagliata al “17 Islands Marine Park”, con tutte le informazioni del caso. Compreso come arrivare a Riung sia da Bajawa che da Moni (a tal proposito, rispetto al passato, sappi che la strada che porta a Riung è ad oggi in ottime condizioni , quindi più che scorrevole. A parte un breve tratto di circa 5 km).

cosa vedere a Flores
17 Islands Marine Park

Moni

Moni è stata la mia tappa preferita durante il mio viaggio a Flores. Tanto da essermi fermato più del previsto. Un piccolo villaggio decisamente autentico nel distretto di Ende racchiuso tra le montagne, dove tutti sembrano far parte di un’unica famiglia. Base ideale per accedere al Monte Kelimutu, trovandosi ai piedi di quest ultimo.

Cosa vedere a Moni

Molti trascorrono una sola notte a Moni andandosene via il giorno seguente dopo aver ammirato l’alba dal Monte Kelimutu.

In realtà, oltre al già citato monte, ci sono diversi altri luoghi d’interesse nei dintorni per cui vale la pena sostare a Moni qualche giorno in più.

Oltre a prendersi del tempo per visitare il villaggio stesso, davvero carino (compresa l’ Air Terjun Murundao, una piccola cascata a due passi dal villaggio facilmente accessibile dalla strada principale).

Anche in questo caso, per non ripetermi ogni volta, consiglio di raggiungere quanto elencato di seguito noleggiando uno scooter. Guidando tra strade di montagna che offrono splendidi scenari e viste dall’alto.

Monte Kelimutu

Indubbiamente l’attrazione principale di Moni (per molti anche l’unica).

Un vulcano dormiente situato a 1639 metri, caratterizzato dalla presenza di ben tre laghi dai colori unici all’interno del cratere. I quali cambiano tonalità a causa dell’attività vulcanica e delle conseguenti reazioni chimiche.

Da Moni sono solo 11 km, copribili in circa 30/40 minuti di guida tramite una strada ben tenuta. Con l’ingresso al Kelimutu National Park che viene a costare 155000 IDR. Una volta arrivato al parcheggio (qui la posizione), ti aspetta una poco impegnativa camminata di mezz’ora circa che porta alla cima, dove si trovano appunto i tre laghi. Con diversi punti d’osservazione da cui ammirarli.

Se come fanno in molti vuoi ammirare l’alba dalla cima del monte, tieni a mente i tempi che ho appena indicato sopra, in modo da arrivare sù in tempo per gustarti l’evento (un buon orario di partenza da Moni potrebbe essere attorno alle 4.15). A quanto pare però le possibilità di trovare annuvolamento/cielo poco sereno a quell’ora non sono scarse. Oltre a trovare con ogni probabilità il sito affollato. Per questo, a meno che tu non abbia tempi davvero serrati, consiglio la visita a metà/tarda mattinata o anche nel primo pomeriggio se non hai intenzione di abbinarci qualche altra attrazione nell’arco della stessa giornata.

cosa vedere a Moni
Monte Kelimutu
Djopu (Jopu) e Wologai

Due dei villaggi tradizionali raggiungibili da Moni, entrambi abbastanza autentici, in particolare quello di Djopu. Abitati dalla tribù dei Lio.

Djopu è quello più vicino a Moni, anche se l’ultima parte di strada per arrivarci è in pessime condizioni (guida con cautela). Visitabile gratuitamente (o lasciando una piccola donazione).

Wologai si trova nella direzione opposta rispetto a Djopu. In questo caso la strada è ben tenuta per tutta la durata, di contro però si paga l’ingresso al villaggio (non ricordo esattamente quanto, comunque si tratta di una piccola somma).

N.B.: potresti pensare di visitare Djopu o Wologai dopo il Monte Kelimutu nella stessa giornata. Visitando l’escluso in un giorno a parte avendo tempo a disposizione.

cosa vedere a Moni
Villaggio di Wologai
Koka Beach

Questa è una notevole spiaggia a sud-est di Moni che consiglio vivamente di non perdere. Anche per gli splendidi scenari lungo la strada per raggiungerla, guidando dapprima su strade di montagna per poi scendere lungo la costa.

Da Moni è circa 1 ora e mezza di guida (posizione), con la strada in buone condizioni, a parte il breve tratto finale sterrato che si immette nella spiaggia stessa. Una volta arrivato c’è da pagare il costo del parcheggio + l’entrata alla spiaggia (20000 IDR totali).

Consiglio di salire anche sulla scogliera che divide le due sezioni della spiaggia, da cui si hanno fantastiche viste dall’alto.

cosa vedere a Moni
Koka Beach

Per concludere, alla sera fatti un giro al Mopi’s Place, un localino davvero carino dove a volte suonano dal vivo.

Come arrivare a Moni

Ci sono collegamenti con Bajawa ad ovest (circa 6 ore) e con Ende a sud (1.30/2 ore circa).

Dove dormire a Moni

Legend Guest House (8 euro a notte per una stanza privata). Struttura semplice ma comunque piacevole, grazie soprattutto ad Ino, il ragazzo che la gestisce (con cui tra l’altro ho passato anche qualche serata assieme). Ottima persona!

cosa vedere a Flores
Paesaggi lungo la strada per Koka Beach

Ende

Per chi intende attraversare l’isola da est verso ovest, Ende sarà con ogni probabilità l’inizio di un viaggio a Flores. La fine invece procedendo al contrario.

Capoluogo dell’omonimo distretto, è uno dei maggiori centri urbani dell’isola.

La città in sè ha però ben poco da offrire, per cui ci spenderei lo stretto necessario. Ossia, qualora fosse possibile, per prendere giusto in tempo il volo di uscita dall’isola o per organizzare subito il trasporto e dirigersi quindi immediatamente a Moni (sia arrivando dall’aeroporto che dal porto).

Visto che però – come detto – sarà verosimilmente la fine del tuo viaggio a Flores o eventualmente l’inizio e che in ogni caso ci dovrai transitare inevitabilmente mentre ti sposti da Bajawa/Riung a Moni (o viceversa), ci sono almeno un paio di luoghi da considerare nel caso avessi anche un solo giorno a disposizione. Parlo di Ende Beach o la particolare Blue Stone Beach (30/40 minuti di strada).

Come arrivare ad Ende

Ci sono collegamenti regolari con Bajawa ad ovest (4 ore), Riung a nord e Moni ad est (1.30/2 ore circa).

Ende ha collegamenti aerei con Jakarta (Java) e Denpasar (Bali), entrambi con scalo a Labuan Bajo. Le compagnie aeree che coprono tali tratte sono sostanzialmente le stesse che trovi nella sezione riguardante Labuan Bajo.

Ci sono voli aerei anche da Tambolaka (Sumba) con scalo a Kupang. Sempre da Sumba, precisamente da Waingapu, è possibile raggiungere Ende via mare (9 ore circa, 77000 IDR). Questo tipo di servizio non è però giornaliero. Teoricamente c’è una nave verso Ende il martedì alle 22, almeno così mi era stato riferito. Personalmente sono arrivato a Waingapu il venerdì e le prime navi disponibili per Ende erano il sabato seguente alle 18 o il mercoledì alle 7 (quella che ho finito col prendere). In ogni caso puoi consultare questo sito per essere aggiornato su orari, partenze e costi (e in caso contattare direttamente la compagnia).

cosa vedere a Flores
Blue Stone Beach

Maumere

Si tratta del più grosso centro urbano di Flores. Una “beach town” lungo la costa nord-est, per questo usata da alcuni come alternativa ad Ende per iniziare o finire il proprio viaggio in questo lato dell’isola.

Anche per Maumere vale tutto il discorso fatto in precedenza per Ende circa il suo utilizzo, per cui non mi ripeterò. Qualora però avessi del tempo extra a disposizione o semplicemente volessi scoprire una realtà fuori dalle classiche rotte turistiche dell’isola, ci sono alcune attrazioni nei dintorni che non sembrerebbero affato male che possono tenere occupati un paio di giorni (con attività comunque simili a quelle che si possono fare in altre parti di Flores). Sfruttando magari il fatto che qui, come detto ad inizio articolo, è possibile rinnovare il proprio visto all’arrivo in tempi davvero rapidi.

Non ci sono stato personalmente, ma a questa pagina trovi una guida dettagliata su Maumere, compreso come arrivarci.

Maumere

Flores itinerari consigliati

Qui di seguito elenco alcuni itinerari a Flores di diversa durata con tutte le tappe da seguire in ordine di successione (numerate).

Ovviamente potrai seguirli in toto o andare a modificarli leggermente in base al tuo budget/interessi, consultando la precedente sezione “cosa vedere a Flores” per approfondire il tutto. Dove ti ricordo esserci anche scritto come raggiungere le varie località dalle altre all’interno dell’isola.

Aiutati inoltre con le apposite mappe (usando le dita per ingrandirle).

N.B.: visto che la maggior parte dei viaggiatori inizia il proprio viaggio a Flores da Labuan Bajo e lo conclude ad Ende, tali itinerari sono pensati seguendo appunto questo tragitto, quindi attraversando l’isola da ovest verso est. In ogni caso potrai benissimo seguirli anche qualora iniziassi da Ende, ovviamente al contrario (in questo caso, una volta giunto ad Ende, se possibile consiglio di organizzare subito il trasporto per spostarsi immediatamente a Moni).

Importante: un paio di appunti che valgono per tutti gli itinerari qui proposti. Se l’ultimo giorno vuoi essere certo di arrivare ad Ende da Moni in tempo per il tuo volo di uscita (in base all’orario dello stesso) con ogni probabilità dovrai affidarti ad un transfer privato o comunque ad una soluzione che vada oltre il trasporto locale. Qualsiasi sia la tua scelta, informati a riguardo per capire se effettivamente ci steresti dentro con i tempi. In caso contrario, ovviamente raggiungi Ende da Moni il giorno prima della partenza, spendendo un giorno in meno a Moni o in un’altra tappa lungo l’itinerario. Infine, ti ricordo che potresti valutare Maumere al posto di Ende come punto di uscita o ingresso nell’isola. Tenendo presente anche per Maumere le stesse valutazioni fatte sin qui per Ende.

Itinerario 1 settimana a Flores

Una settimana a Flores onestamente non è molto. Per cui, visti i tempi stretti, mi concentrerei semplicemente su Labuan Bajo, Bajawa e Moni, sostanzialmente le tre tappe basilari.

Itinerario Flores 1 settimana

1 – Labuan Bajo (2 notti)

Giorno 1: arrivo a Labuan Bajo; organizza l’escursione al Komodo National Park per il giorno seguente.

Giorno 2: tour in giornata al Komodo National Park; se per qualsiasi motivo non sei interessato a questa attività noleggia uno scooter e visita Bukit Menjaga (+ l’omonimo villaggio sottostante) e Bukit Amelia ad orario tramonto.

2 – Bajawa (2 notti)

Giorno 3: trasferimento a Bajawa.

Giorno 4: Bena Village + Malanage Hot Spring + Wolobobo Hill per il tramonto; in alternativa trekking in notturna al Monte Inerie (alba) o di mattina presto, quindi se hai voglia/energie al pomeriggio visita Bena Village + Malanage Hot Spring.

3 – Moni (3 notti)

Giorno 4: trasferimento a Moni; trascorri il resto della giornata al villaggio.

Giorno 5: Monte Kelimutu + Djopu Village o Wologai.

Giorno 6: Koka Beach.

4 – Ende

Giorno 7: trasferimento ad Ende per il volo di uscita.

Itinerario 10 giorni a Flores

Questo è a mio parere il tempo minimo necessario per un viaggio a Flores.

Possibile variazione all’itinerario quella di inserire Riung (passandoci due giorni) dopo Bajawa e prima di Moni a discapito di Ruteng. Oppure saltare Ruteng e Riung inserendo invece Maumere (sempre 2 giorni) dopo Moni, uscendo poi dall’isola dalla stessa Maumere.

Itinerario Flores 10 giorni

1 – Labuan Bajo (2 notti)

Giorno 1: arrivo a Labuan Bajo; organizza l’escursione al Komodo National Park per il giorno seguente.

Giorno 2: tour in giornata al Komodo National Park; se per qualsiasi motivo non sei interessato a questa attività noleggia uno scooter e visita Bukit Menjaga (+ l’omonimo villaggio sottostante) e Bukit Amelia ad orario tramonto.

2 – Ruteng (2 notti)

Giorno 3: trasferimento a Ruteng; nel caso visita il Pu’u Village.

Giorno 4: Spider Web Rice Fields + Air Terjun Cunca Lega; oppure Spider Web Rice Fields + Grotta di Liang Bua.

3 – Bajawa (2 notti)

Giorno 5: trasferimento a Bajawa.

Giorno 6: Bena Village + Malanage Hot Spring + Wolobobo Hill per il tramonto; in alternativa trekking in notturna al Monte Inerie (alba) o di mattina presto, quindi se hai voglia/energie al pomeriggio visita Bena Village + Malanage Hot Spring.

4 – Moni (3 notti)

Giorno 7: trasferimento a Moni; trascorri il resto della giornata al villaggio.

Giorno 8: Monte Kelimutu + Djopu Village o Wologai.

Giorno 9: Koka Beach.

5 – Ende

Giorno 10: trasferimento ad Ende per il volo di uscita.

Itinerario 2 settimane a Flores

2 settimane a Flores è un buon lasso di tempo per visitare tutte le principali destinazioni dell’isola con più calma con l’aggiunta di Riung a nord.

In alternativa potresti considerare l’idea di saltare Riung e di spendere i due giorni così guadagnati in altre tappe dell’itinerario qui proposto, prendendotela così con più calma. Oppure usarli per visitare Maumere dopo Moni, uscendo poi dall’isola dalla stessa Maumere. Altra opzione quella di trascorrere un giorno in meno a Labuan Bajo o Bajawa (nel caso non volessi scalare il Monte Inerie) sfruttandolo in altre parti dell’isola.

Itinerario Flores 2 settimane

1 – Labuan Bajo (3 notti)

Giorno 1: arrivo a Labuan Bajo; organizza l’escursione al Komodo National Park per il giorno seguente.

Giorno 2: tour in giornata al Komodo National Park.

Giorno 3: noleggia uno scooter e visita Bukit Menjaga (+ l’omonimo villaggio sottostante) e Bukit Amelia ad orario tramonto.

2 – Ruteng (2 notti)

Giorno 4: trasferimento a Ruteng; nel caso visita il Pu’u Village.

Giorno 5: Spider Web Rice Fields + Air Terjun Cunca Lega; oppure Spider Web Rice Fields + Grotta di Liang Bua.

3 – Bajawa (3 notti)

Giorno 6: trasferimento a Bajawa.

Giorno 7: Bena Village + Malanage Hot Spring + Wolobobo Hill.

Giorno 8: trekking Monte Inerie.

4 – Riung (2 notti)

Giorno 9: trasferimento a Riung; organizza il tour al “17 Islands Marine Park” per il giorno dopo.

Giorno 10: islands hopping al “17 Islands Marine Park”.

5 – Moni (3 notti)

Giorno 11: trasferimento a Moni; trascorri il resto della giornata al villaggio.

Giorno 12: Monte Kelimutu + Djopu Village o Wologai.

Giorno 13: Koka Beach.

6 – Ende

Giorno 14: trasferimento ad Ende per il volo di uscita.

Come muoversi a Flores

L’isola è attraversata sostanzialmente da un’unica strada principale, la “Flores Highway”, che connette tra loro le principali destinazioni turistiche. A parte Riung a nord. Tale strada è generalmente in buone condizioni, così come quella che porta a Riung.

Nonostante le distanze possano sembrare relativamente brevi su mappa, a causa della conformazione spesso irregolare dell’isola, aspettati di impiegare più ore del previsto per arrivare a destinazione. Anche se parliamo comunque di spostamenti mai troppo lunghi/impegnativi, se si esclude la tratta Labuan Bajo-Bajawa (o viceversa) nel caso non si voglia spezzare il viaggio a Ruteng.

Con diverse opzioni di trasporto, elencate di seguito.

Autobus e Bemos (minibus)

Quello che è il trasporto locale raggiunge i principali centri dell’isola.

Sono i mezzi più economici per spostarsi da una località all’altra, di contro sono spesso e volentieri sovrafollati di gente, oltre ad essere piuttosto lenti in quanto fermano con una certa frequenza lungo la strada, anche semplicemente per far salire la gente a bordo. Quindi non esattamente il massimo della comodità. Entrambi tendono a partire una volta pieni, con orari non ben definiti. Quindi consiglio di informarsi di volta in volta circa orari ed ubicazione di tali mezzi.

Travel (taxi condivisi)

Offrono un servizio “porta a porta”, venendoti a prelevare quindi direttamente presso il tuo alloggio. Possono essere dei minivan oppure delle semplici vetture (in genere delle Toyota Avanza).

Sono mezzi decisamente più confortevoli rispetto a bus/bemos, con prezzi comunque più che abbordabili. Parliamo di pochi euro in più rispetto al trasporto locale, per questo da preferire. Ogni struttura d’alloggio è in grado di prenotarti questo tipo di servizio, che in definitiva risulta essere la migliore soluzione come rapporto qualità/prezzo.

Scooter

Come hai visto nel corso della guida, lo scooter è la soluzione migliore e pratica per esplorare praticamente ogni destinazione all’interno del territorio. Offrendo il massimo in termini di libertà. Considerando anche il basso livello di traffico a livello generale, anche i meno avezzi alla guida non dovrebbero avere grossi problemi nel girare con questo mezzo in autonomia.

Ogni struttura d’alloggio ne ha in dotazione o comunque può procurartene uno, anche nei villaggi più piccoli.

Quando sei alla guida dello scooter mi raccomando in ogni caso di prestare attenzione e di procedere con cautela, specialmente quando le strade non sono in condizioni ottimali. Fotografa sempre il mezzo prima di partire, in modo da dimostrare che eventuali danni erano già presenti. In ultima, in teoria è richiesta la patente internazionale per guidare. Nella pratica ho guidato ovunque pur non avendola, senza nessun tipo di problema.

Taxi, Grab, Ojek

Opzioni da considerare per brevi distanze.

Grab e Ojek possono tornare utili ad esempio per raggiungere i vari siti/luoghi d’interesse nei dintorni di una determinata località se per qualsiasi motivo non volessi metterti alla guida dello scooter in prima persona (volendo puoi affittare il servizio per l’intero arco della giornata). Con Grab, dalle informazioni in mio possesso, disponibile al momento però solo a Labuan Bajo, al contrario di Ojek presente invece in gran parte dell’isola (contratta sempre il prezzo).

I normali taxi sono un’opzione meno economica, nonostante prezzi nettamente più bassi rispetto agli standard europei. Detto questo, visto le numerose alternative, non credo valgano la pena. Se per qualsiasi ragione dovessi prenderne uno, contratta sempre il prezzo prima di salire qualora fosse sprovvisto di tassametro, onde evitare inutili discussioni.

Viaggio a Flores costi

Quanto costa un viaggio a Flores?

Nonostante la parte est dell’Indonesia notoriamente tenda ad essere leggermente “più cara”, Flores resta comunque una destinazione economica. Adatta quindi per un viaggio low cost. Con prezzi in media tutto sommato comparabili a quelli di isole più turistiche come Bali o Java.

Ovviamente, il costo complessivo tenderà a salire facendo attività come scuba diving o tour di più giorni all’interno del Komodo National Park.

Trasporto

Considerata la media delle distanze da coprire tra una località e l’altra (4/6 ore), il trasporto risulta una voce bassa. Una corsa in bus viene a costare poco più di 1 euro per ora di viaggio, poco più di 2 euro parlando di taxi condivisi.

Un noleggio scooter viene dalle 75000 IDR (circa 4 euro e mezzo) alle 100000 IDR (poco più di 6 euro) per un uso giornaliero.

Grab e Ojek hanno prezzi abbordabili per brevi distanze, anche in base alla tua abilità di negoziare per quanto riguarda Ojek.

Cibo

Per un pasto nei locali tipici aspettati di pagare tra i 2 a poco più di 3 euro circa. A volte anche meno. Qualcosa in più invece mangiando in quelli più turistici/occidentalizzati.

Alloggio

Un letto in dormitorio costa tra i 5 e i 9 euro a notte. Spesso guesthouse/homestay a conduzione famigliare sono più economiche degli ostelli, con stanze private che costano meno o quanto un letto in camera condivisa.

Attività/attrazioni

A parte il tour al Komodo National Park e al “17 Islands Marine Park” a Riung, tutto può essere svolto in totale autonomia. Compresi i vari trekking.

Ingressi a siti storico/naturali sono in pratica tutti a pagamento, seppur con prezzi più che accessibili. Ad esclusione dell’uscita al Komodo National Park che ho trovato caretta.

Riassumendo: in 16 giorni di viaggio a Flores (viaggiando low cost, facendo tutto in autonomia a parte il tour in giornata al Komodo National Park e senza fare attività come diving) ho speso circa 420 euro. Una media di 26 euro al giorno.

Viaggio a Flores sicurezza

Flores è una destinazione sicura? Viaggiare a Flores è sicuro?

Come qualsiasi altra isola in Indonesia e più in generale il sud-est asiatico, assolutamente sì. Mai avuto problemi o sentori di pericolo. Trovando un popolo davvero ospitale ed amichevole. Onestamente non ho notato nemmeno quei tentativi di piccole truffe ai danni dei turisti, al contrario di quanto avviene in isole dell’arcipelago più rinomate. Probabilmente l’unica località a Flores in cui prestare più attenzione in questo senso è Labuan Bajo. In ogni caso nulla che non si possa evitare.

Cerca di evitare di bere acqua dal rubinetto e come per qualsiasi altro Paese usa buon senso e fatti vedere sicuro. In questo modo non avrai nessun tipo di problema.

In ultima, ricordo che l’uso e il possesso di droga in Indonesia è punito severamente, anche con la reclusione. Credo non debba aggiungere altro.

In ogni caso stipula un’assicurazione viaggio prima di partire per l’Indonesia. Quelle che uso personalmente e consiglio sono Globelink e SafetyWing, le migliori sul mercato. Qualora avessi trovato l’articolo d’aiuto ed ispirazione considera l’idea di acquistarle cliccando negli appositi link (supporterai il mio lavoro senza alcun costo aggiuntivo a tuo carico. Grazie in anticipo).

In questa guida ti ho fornito tutte le risorse necessarie per organizzare al meglio un viaggio a Flores, Indonesia. Non mi resta che augurarti buon viaggio e una felice permanenza sull’isola!

Lascia un commento sotto l’articolo, anche qualora avessi bisogno di ulteriori chiarimenti/consigli. Sarò felice di risponderti ed aiutarti!

Lascia un commento